Storia di Lapedona                               » Il Menu di Didacus 2018

L'attuale centro storico di Lapedona ha origini medioevali, ma il suo territorio, che si estende tra quello di Fermo e il fiume Aso, fu intensamente abitato anche in età romana come attesta un cippo funerario dell'ottoviro Tito Accaio Filadelfo, conservato sotto il loggiato comunale, e numerosi resti di ville rustiche.

Nell'alto medioevo i Longobardi e i monaci di Fonte Avellana vi fondarono diversi castelli, generalmente posti lungo le antiche strade che collegavano la città di Fermo ai centri del Piceno meridionale e gli approdi marittimi alle località dell'interno.

 

Da uno di questi castelli, che sorgeva all'incrocio delle due strade principali e che era detto Pedona, prese nome il nuovo paese quando, nel XIII° secolo, gli abitanti dei vari insediamenti sparsi decisero di trasferirsi per ragioni di sicurezza su un'altura nelle vicinanze di quest'ultimo.

Degli antichi castelli restano le tre chiese romaniche di San Quirico (principale), di San Pietro, di Santa Maria di Manù e i resti di quelle di San Martino e Santa Maria di Saltareccio, ciascuna nelle rispettive contrade.

Il nuovo incasato fu cinto di mura con due porte d'accesso fortificate (Porta Marina e Porta da Sole) e con una torre d'avvistamento nel punto più elevato.

Al suo interno furono edificate quattro chiese con gli stessi culti di quelle lasciate in campagna e la chiesa Parrocchiale di San Quirico, il martire bambino protettore dell'antico castello di Lapedona, fu sempre considerata principale.

 

Lapedona risulta sotto la giurisdizione di Fermo fin dal 1214. Come tutti gli altri castelli fermani era amministrata da un vicario nominato dalla città e da quattro massari eletti dal consiglio generale dei capifamiglia. Era sottoposta alle leggi e alle imposizioni della città dominante ma era sufficientemente autonoma per quanto riguardava l'amministrazione interna. Le sue risorse economiche si basavano principalmente sull'agricoltura, attività praticata dal 70% circa dei suoi abitanti.

Lapedona oggi

Il paese di Lapedona oggi può essere definito un tranquillo ed operoso paese dove poter trascorrere giornate di relax.
Dove la vita scorre in maniera lenta ma al tempo stesso vivace.
Dove soggiornare in ogni periodo dell'anno e dove poter assaporare le tradizioni italiane.
Arte, storia, cultura ed enogastronomia di qualità fanno di questo posto un luogo dove soggiornare ma soprattutto ritornare.
Vi aspettiamo per offrirvi qualità, ospitalità ma soprattutto la nostra cortesia italiana.

www.didacus.it
© Copyright Didacus -  All rights reserved